Domenica 10 ottobre, quattro giorni dopo l’undicesimo anniversario della morte di P. Ludovico Polat, avvenuta a Montefiascone (VT) il 6 ottobre 2010, la Comunità dei Figli dell’Immacolata Concezione di Polistena ha voluto ricordare il confratello in un modo del tutto particolare. Nella Chiesa parrocchiale dell’Immacolata ha presieduto l’Eucarestia l’Ordinario diocesano, Sua Ecc.za Mons. Francesco Milito, Vescovo di Oppido Mamertina – Palmi, che nell’omelia ha ricordato i grandi doni di grazia di cui P. Ludovico si è fatto mediatore, soprattutto attraverso il sacramento della Riconciliazione, per cui era sempre disponibile, e attraverso il consiglio sapiente ed illuminato che, insieme alla testimonianza di vita semplice e zelante, lo hanno reso amato e ricercato da tutti. Il Vescovo ha rappresentato la volontà della Congregazione dei Figli dell’Immacolata Concezione di voler dare avvio alla Causa di beatificazione e canonizzazione di Padre Ludovico, stante la fama di santità che ha accompagnato il confratello in vita e dopo la sua morte, augurando che i passi preliminari che si stanno compiendo possano presto condurre all’avvio della Causa e al suo buon esito. La celebrazione eucaristica è stata preceduta dalle testimonianze di una religiosa e di alcuni laici, che avevano trovato in P. Ludovico un confessore, un consigliere sapiente, un riferimento sicuro per la loro vita spirituale, familiare, professionale. Oltre alla locale Comunità religiosa erano presenti il Superiore provinciale, il collaboratore della Postulazione P. Jorge Romero e Fr. Antonio Angioni, della Comunità di Siracusa. Nei tre giorni precedenti la domenica il Superiore provinciale e P. Jorge hanno potuto presentare brevemente l’iniziativa della Congregazione in alcune parrocchie dei paesi vicini, dove P. Ludovico aveva operato, ricevendo conferma della buona fama del confratello e dell’attesa piena di speranza per la prossima apertura della Causa.

Write a comment:

*

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.